Il Club degli Autori - Concorsi Letterari - Montedit - Consigli Editoriali - Il Club dei Poeti
Pagine viste dal 1-5-2008: _____
I concorsi del
Club degli autori
I risultati dei
Concorsi del Club
Le Antologie dei
Concorsi del Club
Tutti i bandi per
data di scadenza
Tutti i risultati
Informazioni e
notizie utili
il Club
degli autori
il Club
dei Poeti
Consigli
editoriali
Editrice
Montedit
Club
news
 
 
 

Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2022
XXVII Edizione

Ultimo aggiornamento: 28 Novembre 2022
Clicca qui per il bando completo del concorso
Andamento del concorso:

La scadenza prevista del 30-07-2022 è stata prorogata al 30-08-2022

  • Aggiornamento del 02-09-2022: il concorso è scaduto in data 30-08-2022, stiamo ricevendo il materiale inviato a mezzo posta entro la data di scadenza prevista.
  • Aggiornamento del 14-09-2022: La Giuria ha iniziato la valutazione delle opere pervenute
  • Aggiornamento del 05-10-2022: Inviata a mezzo email la lettera di ammissione all’antologia.
  • La Giuria ha reso noti i risultati finali del concorso.
  • La premiazione si svolgerà a Melegnano (Milano) nel mese di febbraio-marzo 2023. I premiati verranno tempestivamente avvisati.

Risultati

La Giuria della XXVII Edizione Premio di Poesia Poeti dell’Adda 2022 presieduta da Massimo Barile, dopo attenta valutazione delle opere pervenute, rende nota la graduatoria finale:


Opera 1^ classificata: «Polvere di clessidra» di Sergio Baldeschi, Montecerboli (Pisa). Questa la motivazione della Giuria: «La poesia di Sergio Baldeschi innalza ad una dimensione lirica superiore ed il poeta fluttua nel personale magico alambicco, tra incanto e vertigine immane, distillando, attraverso la sua Parola, il senso dell’umano esistere.
Il poeta, come simbolico “prigioniero di un presagio inafferrabile”, custodisce “polverosi ricordi” ed “addestra l’anima a restare viva” grazie ad una visione poetica che proietta la mente del poeta oltre l’enigmatico “muro dell’anima”, fino a voler entrare nella clessidra stessa per cercare un “grumo di polvere” che possa redimere i suoi giorni.
Durante il processo lirico, tra “miseria di essere isolato” e timore che si frantumi la clessidra, il poeta si trova avvolto nel complesso vorticare del pensiero e nella sua raffinata concezione lirica: da tali evidenze emergono la decretazione di un’inevitabile presa d’atto e la consapevolezza ultima, che tutto sia solo “polvere che gira“». Massimo Barile

Vince: Targa Poeti dell’Adda – Pubblicazione di un libro di 32 pagine edito dalla Casa Editrice Montedit con assegnazione di 100 copie – Pubblicazione dell’opera premiata sull’Antologia e sul sito Internet del Club degli autori – Attestato di merito




Opera 2^ classificata: «Al calar della sera» di Maria Colombo LGE, Bovisio Masciago (Monza e Brianza). Questa la motivazione della Giuria: «La visione poetica di Maria Colombo è pervasa di straordinaria dolcezza e, nel percorso lirico, come a seguire “il filo odoroso del tempo”, emergono le “ombre della giovinezza” ed un mondo d’immagini e volti “cari al suo cuore”.
La percezione poetica è alimentata da una poesia delicata e soave, quasi fosse un amorevole abbraccio lirico.
Nella chiusa della poesia, come ad illuminare l’intera visione, la “luce sorprendente della vita” che si avverte nello sguardo della poetessa ed il sorriso sul suo volto diventano decretazione della capacità di cogliere, nel modo più profondo, l’autentica sostanza della vita ed il suo senso più profondo». Massimo Barile

Vince: Pubblicazione di un Libro di 32 pagine edito dalla Casa Editrice Montedit con assegnazione gratuita di 50 copie all’Autore – Pubblicazione dell’opera premiata sull’Antologia e sul sito Internet del Club degli autori – Attestato di merito




Opera 3^ classificata: «Quel che resta» di Lucia Lo Bianco, Palermo. Questa la motivazione della Giuria: «La poesia di Lucia Lo Bianco è ammantata di “energia impalpabile”, pervasa d’un ritmo lirico che si nutre di evanescenze, tra “barlumi e scintille” che compongono gran parte della visione poetica, fino a generare un lento fluire lirico che penetra nel profondo dell’animo.
Dal giacimento emozionale emergono frammenti estrapolati dalle simboliche “attese”, “in un tempo vuoto e perduto” che diventa atmosfera poetica e anche tempo lirico che scandisce la percezione.
La visione è intensa ed emozionante. La sua Parola coglie e fissa in modo perfetto le intenzioni liriche». Massimo Barile

Vince: Pubblicazione di un Quaderno di 32 pagine edito dalla Casa Editrice Montedit con assegnazione gratuita di 50 copie all’Autore – Pubblicazione dell’opera premiata sull’Antologia e sul sito Internet del Club degli autori – Attestato di merito




Opera 4^ classificata: «I fiori dell’alba» di Chris Mao, Ormea (Cuneo). Questa la motivazione della Giuria: «Chris Mao propone una lirica che si pone sulla linea di confine tra memoria e realtà, in una dimensione dove le “attese” occupano il silenzio e le molteplici manifestazioni dell’esistere non sono altro che un vano tentativo perché dominerà il fato.
La visione di Chris Mao riconduce ad una poetica enigmatica che miscela il lento franare nelle insidie dell’esistere e il dissolvimento tra la polvere del tempo che si deposita sul palcoscenico della vita: non rimane che un labile soffio di speranza nelle parole del poeta. Massimo Barile




Opera 5^ classificata: «Quanti giorni» di Mariana Filipova, Miradolo Terme (Pavia). Questa la motivazione della Giuria: «Mariana Filipova offre una lirica fortemente sentita nel profondo dell’anima e che si alimenta della sua Parola limpida e sincera.
Nella visione poetica i simbolici “giorni” a cui fa riferimento il titolo della poesia, formano la trama d’un tessuto che comprende le contraddizioni dell’esistere, le complesse dinamiche sentimentali ed i riflessi emozionali: tali simboliche direzioni e dimensioni conducono alla caduta delle certezze e la poetessa confessa di sentirsi “nuda”, lontana e distaccata dal possesso materiale, ma ben consapevole di sentire pulsare il suo cuore». Massimo Barile




Opera 6^ classificata: «Dolce sentire» di Lucia Ingegneri, Monza. Questa la motivazione della Giuria: «Nella percezione lirica di Lucia Ingegneri le evidenze della vita diventano espressione poetica ed il flusso delle sensazioni accende la “scintilla” nel cuore.
La visione di Lucia Ingegneri risplende sempre di un soave lirismo e la sua Parola accarezza l’animo come a voler avvolgere e condurre nel suo intimo universo.
La visione poetica è pervasa di profonda sensibilità e riconduce alla concezione lirica di Lucia Ingegneri che, ancora una volta, offre una poesia che diventa essenza vitale, dolce percezione e amorevole abbraccio». Massimo Barile




Opera 7^ classificata: «Nel cammino» di Alberto Pinotti, Modena. Questa la motivazione della Giuria: «Nella lirica di Alberto Pinotti i ricordi delle “impressioni/scompigliate nell’oblio della vita” si miscelano con i “ricordi sepolti” e le evidenze liriche sono estrapolate dal suo giacimento emozionale.
La poesia di Alberto Pinotti scivola lentamente lungo “l’incanto del tempo” e s’avverte il travaglio interiore.
La complessa trama dell’esistenza, vissuta liricamente tra indifferente realtà e un simbolico “destino oscuro”, diventa substantia vitale dell’intenzione lirica». Massimo Barile




Opera 8^ classificata: «Po-Etica» di Maria Scerrato, Alatri (Frosinone). Questa la motivazione della Giuria: «La poesia di Maria Scerrato diventa una sfida con l’altra parte di sé stessa e la sua Parola penetra nella mente, “scava” pensieri e “sogni frustrati” che riconducono alle “cicatrici” della vita.
Nel dispiegarsi della visione poetica le parole “volano” e si rincorrono, come ad ondeggiare al vento: ecco allora che possono condurre ad invenzioni fantastiche e ad illuminazioni liriche.
La percezione della poesia come “muta autopsia del sentire” diventa sigillo lirico». Massimo Barile




Opera 9^ classificata: «Lune di carta» di Saverio Rosso, Gaiola (Cuneo). Questa la motivazione della Giuria: «L’atmosfera della lirica di Saverio Rosso vive in una dimensione rarefatta, tra silenzio e ombre, come protesa a disvelare gli abissi enigmatici dell’esistere.
I versi iniziali della poesia sono prodromici rispetto ad una sensazione di vuoto incombente che pervade l’intera lirica: ed il poeta, come “inerme prigioniero del fato”, si trova, simbolicamente, sospeso sul baratro d’una dolente percezione lirica». Massimo Barile




Opera 10^ classificata: «Io sono» di Attilio Muscolino, Bolzano. Questa la motivazione della Giuria: «Nella sua lirica il poeta Attilio Muscolino si immedesima in una semplice foglia, tra terra, sole e vento, percependo la sensazione di essere un frammento senziente del Creato.
Nel percorso lirico emerge la constatazione d’una limitante condizione e la concezione che siamo solo polvere cosmica alla ricerca dell’abbraccio di un’entità superiore». Massimo Barile




I Poeti classificati dal quarto al decimo posto vincono: Pubblicazione dell’opera premiata sull’Antologia del Premio e sul sito Internet del Club degli autori – Attestato di merito




Opera Segnalata dalla critica con Attestato di merito: «Gelida notte» di Marco Favaloro, Costarainera (Imperia). Questa la motivazione della Giuria: «La lirica di Marco Favaloro diventa forte testimonianza contro l’orrore della guerra e severa condanna dell’immane tragedia umana che provoca.
Le immagini liriche sono crude e tagliano come lame: il sangue che si sparge sulla terra, le esistenze seppellite, l’atmosfera rovente delle bombe, i corpi trafitti, le vite spezzate e le anime in fuga che cercano nella nebbia uno spiraglio di pace.
Tutto questo orrore chiede solo silenzio nella “notte gelida” e la poesia di Marco Favaloro fissa in modo perfetto tale dramma dell’Uomo e la profonda intenzione lirica del poeta». Massimo Barile




Gli Autori premiati riceveranno comunicazione in merito a data e luogo della manifestazione non appena definito.

L'Albo d'Oro:
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2023 XXVIII Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2022 XXVII Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2021 XXVI Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2020 XXV Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2019 XXIV Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2018 XXIII Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2017 XXII Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2016 XXI Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2015 XX Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2014 XIX Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2013 XVIII Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2012 XVII Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2011 XVI Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2010 XV Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2009 XIV Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2008 XIII Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2007 XII Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2006 XI Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2005 X Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2004 IX Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2003 VIII Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2002 VII Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2001 VI Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2000 V Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 1999 IV Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 1998 III edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 1997 II Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 1996 I Edizione